Luce

•marzo 4, 2010 • 1 commento

La musica è la voce degli Dei
è l’anima dell’Oriente
è l’idea antica
che tra due persone
vi sia solo … luce.

Annunci

Jorge Luis Borghes

•febbraio 1, 2010 • Lascia un commento

La rosa,
l’immarcescibile rosa che non canto,
quella che è peso e fragranza,
quella del nero giardino nella notte profonda,
quella di qualundue giardino nella notte profonda,
quella di qualunque giardino e di qualunque sera,
la rosa che risorge dalla tenue
cenere per arte d’alchimia,
la rosa dei persiani e di Ariosto,
quella che è sempre sola,
quella che è sempre la rosa delle rose,
il giovane fiore platonico,
l’ardente e cieca rosa che non canto,
la rosa irraggiungibile.

•gennaio 31, 2010 • Lascia un commento

 

” … aver sentito il cerchio dell’acqua
nella segreta cisterna,
l’odore del gelsomino e della madreselva,
il silenzio dell’uccello addormentato,
l’arco dell’androne, l’umidità
queste cose, forse, sono la poesia”

tratta da “El Sur” di Jorge Louis Borghes

Lettura

•gennaio 31, 2010 • Lascia un commento
Ho bisogno di poesia.
 
Non ho bisogno di denaro.
Ho bisogno di sentimenti
di parole
di parole scelte sapientemente
di fiori detti pensieri
di rose dette presenze
di sogni che abitino gli alberi
di canzoni che facciano danzare le statue
di stelle che mormorino all’ orecchio degli amanti.
Ho bisogno di poesia
questa magia che brucia la pesantezza delle parole
che risveglia le emozioni e dà colori nuovi.
                                                                                                                                       Alda Merini
 
 “ed io, esule, non ho casa: sono stato gettato via, verso l’infinito”
Schlegel
 

Per chi ha passioni…

•dicembre 24, 2009 • Lascia un commento

 

<– Per gli appassionati di Home Recording

Per gli appassionati di fotografia –>

I film di Natale

•dicembre 20, 2009 • Lascia un commento

La Divina. Figlia di un netturbino e di una donna di servizio, a quattordici anni già orfana di padre, costretta a lasciare per questo la scuola ed a lavorare come aiuto di bottega da un barbiere e poi come commessa per poi, attraverso alcune foto pubblicitarie essere chiamata a partecipare ad un provino per un film comico. Da questa inattesa esperienza cinematografica la Garbo deciderà di riprendere gli studi iscrivendosi all’Accademia di Arte Drammatica dove, grazie alla sua eterea bellezza, alla sua innata sensualità, al fascino profondo del suo sguardo, ad uno stile inconfondibile ed alla sua istintiva capacità di unire una sottile e distaccata ironia al talento drammatico verrà notata dal regista Mauritz Stiller  che ne diventerà maestro e mentore partendo con lui per Hollywood dove entrerà nel mito.     

Dal 1927 al 1937 l’attrice interpreta una ventina di film in cui rappresenta donne seduttrici dalla vita tormentata, destinate tutte ad una tragica fine.  L’impatto sul pubblico è immediato grazie alla sua bellezza altera e raffinata e ad una intensissima recitazione che ne definisce il particolarissimo stile sia nei ruoli drammatici che in quelli sentimentali.     

La “Divina”. All’origine della sua leggenda sono alcuni atteggiamenti tenuti dall’attrice stessa ed assecondati dal mèntore Stiller. Quando la Garbo recita il set del film è protetto ed inaccessibile tranne che per l’operatore e gli attori che partecipano alla scena. Stiller arriva al punto di recintare il set con una tenda nera giacché l’attrice, per l’estrema riservatezza e timidezza del suo carattere, interrompeva la recitazione nel momento in cui si accorgeva che un estraneo era presente nel set rifugiandosi in camerino. Anche per queste sue caratteristiche la Garbo rifiuterà sempre lo Star System detestando la pubblicità, le interviste e la vita mondana proteggendo con ostinazione la sua vita privata anche dopo il termine della sua carriera di attrice e saranno proprio la sua estrema riservatezza, il mistero che circonda la sua bellezza ed il suo particolarissimo fascino alle origini della sua leggenda. Ricordo alcuni film (che consiglio di vedere a casa mentre fuori nevica): La regina Cristina (1930), Mata Hari (1931), Grand Hotel (1932) Anna Karenina (1935) e Camille (Margherita Gauthier, 1936) di Gorge Cukor.     

    

Link: Tribute to Greta Garbo, Queen Christina, Mata Hari.

Della natura e delle selve

•dicembre 16, 2009 • Lascia un commento

         Artemide dea greca e la italica Diana dea della caccia, signora delle selve, protettrice degli animali selvatici, custode delle fonti e dei torrenti è simbolo di una femminilità indipendente ed assertiva il cui valore non dipende dalla presenza dell’altro, ma dalle abilità e da un’identità fondata sull’essere e non sull’apparire. Una femminilità che non si realizza necessariamente nella maternità e nel matrimonio, ma che ama la libertà, il bosco e la natura vibrante di luce e di vita: valli solitarie, alture remote, vite che nascono, crescono, stormiscono, cantano, si muovono, si cercano, si generano, muoiono. Una natura che suscita meraviglia ed insieme inquietudine, senso di estraneità e di mistero. Dea della natura e della luce, sorella gemella di Apollo, dea della fertilità e del parto, delle danze delle fanciulle e della caccia, viveva nell’isola di Delo ed è rappresentata insieme agli animali del bosco, sia nella caccia che per curarli ed ha sempre accanto cani dalle orecchie pendenti ed il cavallo selvatico.